Inaugurato il Palacongressi di Rimini

Inaugurato il Palacongressi di Rimini

Dopo una lunga attesa, Rimini ha finalmente il suo Palacongressi. E’ stato inaugurato sabato 15 ottobre, alla presenza del ministro del Turismo, Maria Vittoria Brambilla, e del presidente della Regione Emilia Romagna, Vasco Errani. E’ la struttura congressuale più grande costruita ex novo in Italia, costata 117 milioni di euro, che arricchisce la Riviera di un impianto da 39 sale – la più grande per 4.700 posti – su un’area di 38.000 metri quadrati, e un totale di 9.000 posti a sedere. E’ un complesso avveniristico, opera dell’architetto tedesco Volkwin Marg dello Studio GMP di Amburgo, già autore del Quartiere Fieristico di Rimini.

Tra gli altri pregi del design di Marg l’utilizzo diffusissimo di materiali naturali, in particolare legno pregiato negli arredi su misura e nei rivestimenti. Importantissima la dotazione tecnologica, peraltro ampiamente occultata dal design: impianto a 12 canali per la traduzione simultanea, collegamenti di rete con linee ADSL, ISDN, fibra ottica, satellite, impianto di videoconferenza per il collegamento con altri centri congressi e qualsiasi sorgente di segnale video. La cerimonia di inaugurazione ha visto gli interventi del ministro, Vittoria Brambilla, del presidente della Regione Emilia Romagna, Vasco Errani, del presidente di Rimini Fiera, Lorenzo Cagnoni, del sindaco di Rimini, Andrea Gassi, del Vescovo di Rimini mons. Lambiasi e degli architetti  progettisti. Tutti si sono complimentati per l’imponenza e la funzionalità della struttura dall’aspetto avveniristico Da certe angolature assomiglia un’astronave pronta al decollo. Difficile da parte dei diversi relatori trovare gli aggettivi e i superlativi più adeguati  per rendere l’idea della maestosità dell’opera.

All’evento ha assistito un folto pubblico che ha lungamente applaudito gli interventi. Uno spettacolo pirotecnico di grande suggestione ha concluso la cerimonia.