Attenzione al peso

Attenzione al peso

Come riferisce il quotidiano “La Repubblica”, è in atto la sperimentazione di un innovativo progetto di pesatura dinamica dei mezzi pesanti in transito sulla rete autostradale  basato sulla già affermata tecnologia del Tutor, il sistema per la rilevazione della velocità. Si chiama Overload Tutor – spiegano i progettisti – ed è un sistema di pesa dinamica che misura la massa dei veicoli, ossia il secondo elemento che caratterizza l’energia cinetica di un corpo in movimento, che rappresenta un elemento spesso ignorato ma alla base di incidenti gravi, anche a basse velocità.

La finalità del sistema, che ha visto la collaborazione della Polizia Stradale, è quella di incrementare la sicurezza dei veicoli in circolazione sulla rete di Autostrade per l’Italia, monitorando i mezzi pesanti con carichi in eccesso in maniera più semplice ed efficace poiché, secondo l’attuale legislazione, le infrazioni sull’eccedenza di peso prevedono l’obbligo di pesatura con il veicolo fermo su una postazione statica di tipo omologato. Ferma restando quindi la necessita di disporre di una postazione di pesatura statica, piazzando il sistema di pesatura dinamica Overload Tutor una decina di km prima della pesa per il  controllo statico, si può effettuare la selezione preventiva e la successiva verifica.

Come per il Tutor “autovelox” anche in questo caso è previsto l’inserimento di sensori nella pavimentazione (4 sensori per ogni corsia) che si rivelano una vera e propria miniera di informazioni atte allo scopo, determinando con precisione  la classe, il numero di assi, la velocità e il peso di ogni mezzo, mentre le telecamere acquisiscono immagini ad alta risoluzione in modo che la Polizia Stradale possa facilmente individuare e fermare il veicolo sovraccarico. Il dispositivo infatti  è collegato tramite la rete Umts con un computer portatile con cui sono equipaggiate le pattuglie della Polizia Stradale che così possono vedere  le immagini dei veicoli in sovrappeso con tanto di data e ora del transito e tempo di arrivo stimato.  Grazie all’Overload Tutor gli agenti possono intervenire a “colpo sicuro”, evitando il sistema dei controlli a campione che in caso negativo rappresentano una perdita di tempo per gli agenti e i guidatori, come sottolineato anche da Riccardo Mollo, condirettore generale Operations & Maintenance  di Autostrade per l’Italia. Non è ancora chiaro se l’innovazione riguardi anche le autocaravan. Attenzione quindi all’evoluzione della situazione.