Cibus 2018 a Parma nell’Anno del cibo

Cibus 2018 a Parma nell’Anno del cibo

Il 2018 è l’Anno del Cibo e Cibus prepara un’edizione particolare per favorire la sviluppo produttivo e l’export dei prodotti alimentari made in Italy. Dal 7 al 10 maggio, più di 3.000 aziende espositrici presenteranno prodotti tradizionali e innovativi.

La 19° edizione di Cibus cade in questo periodo in cui l’economia italiana spera in una ripresa. Il mercato alimentare italiano chiude il 2017 con un buon successo: esportazione a +7% sul 2016 con un incremento anche delle vendite interne.

I mercati trainanti del nostro export alimentare sono :

  • Australia
  • Canada
  • Cina
  • Corea del Sud
  • Europa
  • Giappone
  • HongKong
  • Russia
  • Stati Uniti d’America
  • Tailandia
  • Taiwan

Cibus fara anche da hub per gli incontri dei buyers delle più importanti catene della grande distribuzione come:

  • Auchan Retail
  • BHG Group
  • Carrefour
  • Coop Suisse
  • Emart
  • Grupo Pao de Açucar
  • H-E-B
  • Metro Canada
  • Metro Cash&Carry China
  • Sam’s Club
  • Spinneys

In occasione di Cibus 2018, verrà inaugurato anche il nuovo Padiglione 8 che sarà riservato alle specialità regionali e collettive istituzionali.
Nella rinnovata Food Court delle regioni italiane sarà dato spazio allo show cooking con area degustazione, il tutto organizzato come una galleria di sapori e degustazioni, gestito da chef qualificati e scuole di ristorazione.
Non mancheranno convegni e seminari, con novità come l’evento sul “marketing In Store” organizzato da Università di Parma e IPSOS per capire le nuove tendenze in fatto di tecnologie per il riconoscimento facciale del consumatore, nuovi scaffali lineari sperimentali con minore profondità di scelta ma inalterato spazio espositivo e ulteriori tematiche di attualità in ambito retail marketing.

In un intervento Antonio Cellie, Ceo di Fiere di Parma, spiega:“Cibus è ormai l’osservatorio privilegiato per comprendere le tendenze di un comparto sempre più strategico per il nostro Paese. Oggi più che mai l’agroalimentare non è solo il settore più importante in Italia, per addetti e valore aggiunto, ma è anche uno snodo decisivo per lo sviluppo del pianeta sul piano ambientale, sanitario e culturale. Per questo 80.000 professionisti di cui gran parte esteri si ritrovano a Parma ogni 2 anni”. “Cibus è lo specchio dei suoi 3.000 espositori, tutti Authentic Italian – ha concluso Cellie – imprese che riescono a competere nel mondo, a prescindere dalle dimensioni, grazie a straordinari standard qualitativi coniugati ad una prodigiosa flessibilità. Cibus è una kermesse unica di innovazione e di prodotti apprezzati dalla distribuzione e dalla ristorazione, di tutto il mondo, grazie a qualità e salubrità intrinseche nonché facilità di utilizzo e consumo”.