A Castel d’Ario per la “Bigolada”

A Castel d’Ario per la “Bigolada”

Era il 1848, quando, con un moto di rivolta contro gli Austriaci, sulla piazza del paese di Castel d’Ario nel mantovano, furono distribuiti gratuitamente polenta, aringhe, bigoli con le sardelle (in dialetto: bigoi con le sardèle), vino.
Era nata come protesta ed è diventata poi una grande festa, una splendida espressione di “coscienza dei luoghi”, nella quale si riconoscono i cittadini di Castel d’Ario in modo trasversale e lungo le generazioni.